Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti. Continuando la navigazione si accetta il loro utilizzo

«... derivante dalla parola greca “diaita”, ossia, stile di vita, la Dieta Mediterranea è una pratica sociale fondata sull’insieme del “savoir-faire”, conoscenze, tradizioni che vanno dal paesaggio alla tavola e che riguardano nel Bacino Mediterraneo le coltivazioni, la raccolta, la pesca, la conservazione, la trasformazione, la preparazione, la cottura ed in particolare il modo di consumare» - 16 novembre 2010, Nairobi, Dieta Mediterranea, Patrimonio Immateriale dell’Umanità - UNESCO

La Dieta Mediterranea contribuisce a ridurre i fattori predisponenti le patologie cronico-degenerative strettamente correlate con l'alimentazione. Inoltre essa aumenta il benessere sociale e riduce la spesa sanitaria pubblica rappresentando così una certezza scientifica che continua ad essere confermata ed aggiornata da nuovi studi e ricerche effettuate dalle istituzioni scientifiche di tutto il mondo.

La scoperta delle proprietà salutistiche della dieta mediterranea è attribuita allo scienziato americano Ancel Keys che, a partire dal pioniere Seven Countries Study da lui coordinato, mise in evidenza la correlazione esistente tra patologie cardiovascolari e regime alimentare.

I risultati di tale studio in effetti non lasciavano adito a dubbi: più l'alimentazione dei 12.000 soggetti analizzati si discostava dagli schemi mediterranei, maggiore era l'incidenza di malattie cardiovascolari.

In particolare in Italia si osservò che nelle regioni meridionali si consumavano più alimenti di origine vegetale quali cereali (pasta, riso, pane, biscotti), ortaggi in gran varietà, frutta e, per gli alimenti di origine animale, soprattutto formaggi e uova piuttosto che carni e pesce.

Il tipo di condimento utilizzato era quasi esclusivamente olio extravergine di oliva.

Negli anni seguenti numerose ricerche confermarono la stretta correlazione esistente tra dieta alimentare e patologie cardiovascolari e, ancora oggi, medici e nutrizionisti concordano nel raccomandare una dieta che, sul modello di quella mediterranea, ripartisca in maniera ottimale il quotidiano apporto calorico sui differenti nutrienti secondo un modello a piramide.

Purtroppo i moderni sistemi alimentari allontanandosi dallo schema alimentare mediterraneo hanno creato anche nei Paesi mediterranei, culla della dieta mediterranea, problemi di sovrappeso ed obesità.


 Articoli correlati:

* Food system sustainability and food security: connecting the dots

* Mediterranean diet pyramid today. Science and cultural updates

* Mediterranean food consumption patterns: low environmental impacts and significant health and nutrition benefits

* Mediterranean Diet: territorial identity and food safety

* Developing a methodological approach for assessing the sustainability of diets: The Mediterranean diet as a case study

 

Share this post
FaceBook  Twitter  

Member Access